Test pH della saliva e delle urine: come eseguirli

by

Questo articolo sulla salute è stato tratto dagli scritti di Robert O. Young, fondati sulla teoria secondo la quale l’organismo è alcalino nelle intenzioni e acido nelle funzioni. Secondo questa tesi, esiste un solo tipo di malattia e un solo tipo di soluzione della stessa, e tale malattia è causata da un’eccessiva acidificazione del sangue, e quindi dei tessuti, fattore dovuto ai cambiamenti nello stile di vita, del modo di mangiare e di pensare. Insomma, non ci può essere salute se c’è acidità o, in altre parole: la strada per la salute è nell’alcalinità!

Test per il pH delle urine e della saliva

Abbiamo ricevuto molte domande su quale sia il modo migliore per monitorare il pH della saliva e delle urine. Ecco come eseguire i test del vostro pH:

    1. Innanzitutto, appena svegli, eseguite il test salivare con una cartina tornasole. Appena scendete dal letto, prendete una striscia di cartina tornasole e bagnatela con della saliva. Vedrete il colore della cartina cambiare poco a poco: prendete nota del numero relativo al vostro pH. Eseguite questa operazione prima di lavarvi i denti, prima di bere, mangiare, fumare, persino prima di pensare a qualsiasi tipo di cibo. Il pH salivare ottimale dovrebbe essere 7.2.

    2. Successivamente, potete procedere con il test delle urine: dovete utilizzare le prime della giornata, poiché si tratta di urine che sono rimaste depositate nella vostra vescica tutta la notte, e che il vostro corpo è quindi pronto a eliminare una volta sveglio. Bagnate con un po’ di urina un’altra striscia di cartina tornasole, aspettate che cambi colore e prendete nota del numero pH risultante. Il pH ottimale delle prime urine della giornata dovrebbe essere non oltre 7.2. Se avete un pH più basso, significa che siete carenti di riserve alcaline, dovrete quindi modificare le vostre abitudini alimentari seguendo una dieta più ricca di ortaggi verdi e frutta fresca. Se avete un pH più alto di 7.2, le vostre riserve alcaline sono sufficienti a neutralizzare i cibi e le bevande acide che avete ingerito il giorno precedente. Per aumentare il pH delle vostre urine, diretto indicatore del pH dei vostri tessuti, prendete 3 cucchiaini di sali pHour (in Italia trovate facilmente i BASENPULVER, ma fate attenzione che siano in gran parte citrici (o bisglicinati o glicerofosfati) e non solo carbonati, in modo che siano più facilmente  biodisponibili) sciolti in mezzo bicchiere di acqua depurata o alcalina. Per stabilizzare il pH delle urine dovete eliminare i cibi e le bevande acide, e iniziare una dieta a base di verdura verde ricca di elettroni, frutta a basso contenuto di zuccheri, e salutari acidi grassi polinsaturi. (Attenzione che se le prime urine sono troppo basiche, questo può voler significare che possono esserci delle perdite di proteine e quindi bisogna ricercarne la ragione!)

    3. In seguito, eseguite un altro test con le seconde urine del mattino, prima di mangiare qualsiasi tipo di cibo. Le seconde urine servono a controllare il pH dopo aver eliminato il carico di acidi del giorno precedente. Gli acidi dovrebbero essere eliminati la seconda volta che si è andati al bagno, quindi il pH ottimale delle vostre seconde urine dobrebbe andare da 7.2 in su. Se il pH è più basso di 7.2 significa che i vostri tessuti sono in uno stato di acidosi latente, e che avete una carenza di riserve alcaline come sodio, potassio, magnesio e bicarbonato di calcio. Un pH troppo basso può anche essere indice di una dieta troppo ricca di proteine, e di un aumento degli acidi da proteine, come l’acido nitrico, l’acido solforico, l’acido fosforico e l’acido urico. Per riportare il vostro pH a 7.2, dovrete eliminare dalla dieta le proteine animali come il manzo, il pollo, il tacchino, il maiale e del pesce, mentre potrete nutrirvi liberamente di cibi e bevande vegetali, acidi grassi polinsaturi e sali alcalini minerali, come i sali Basenpulver del Dr. Jacob.

    4. Per colazione mangiate una zuppa di avocado, di verdure, oppure bevete una tazza di latte di mandorla fresco, o una centrifuga di verdure. Aspettate 5 minuti e poi controllate di nuovo le vostre urine e la vostra saliva. Prendete nota del numero: se avete una riserva alcalina sufficiente per tamponare gli acidi, stavolta il vostro pH dovrebbe essere aumentato rispetto a quello delle prime e seconde urine e del primo-secondo test della saliva. Al contrario, se la vostra riserva alcalina non è sufficiente, noterete che il vostro pH non ha subito grossi mutamenti, o addirittura che è diminuito rispetto al numero dei primi due test.
    5. Assicuratevi di testare il vostro pH salivare e delle urine anche tra un pasto e l’altro, ad esempio tra colazione e pranzo, e tra pranzo e cena. Il pH risultante dovrebbe sempre essere tra 7.2 e 8.4 subito dopo i pasti, e di 7.2 un paio d’ore dopo i pasti.

Le 5 fasi dei test proposti qui sopra vi dimostreranno:      

 1. L’efficacia del sistema tampone alcalinizzante nella gestione di ciò che si è mangiato la sera precedente, ossia il primo e il secondo test del pH di urine e saliva. Il risultato cambierà di giorno in giorno se avete un’alimentazione e uno stile di vita più orientati verso l’acidità. Ma quando inizierete questo programma miracoloso del pH alcalino, vedrete che il pH delle vostre urine e della saliva diventerà sempre più equilibrato, fino a stabilizzarsi dal 7.2 in su.

2.  Come trattate il vostro organismo in generale: ad esempio, le conseguenze di un’eccessiva acidità sulle ghiandole salivari, lo stomaco, il pancreas, la cistifellea, il fegato. Ancora una volta, il pH di urine e saliva è una discriminante fondamentale. Il numero del vostro pH indica lo stato di salute generale del vostro organismo, lo stato delle riserve alcaline del corpo le quali, a loro volta, riflettono il tipo di alimentazione che avete adottatto negli ultimi mesi e anni. Generalmente, il numero del pH rimane piuttosto costante, e cambierà soltanto dopo aver fatto un certo lavoro di alcalinizzazione ed energizzazione del corpo, come suggerito nei libri del miracolo del pH alcalino. Dato che il pH di urine e saliva è un indicatore del pH dell’ambiente extracellulare e dei fluidi interstiziali, il pH di saliva e urine non dovrebbe mai essere al di sotto del sistema tampone bicarbonato, 7.2. I risultati più accurati si ottengono effettuando il test subito dopo il risveglio, dopo aver dormito almeno 5 ore e prima di lavarsi i denti. È durante il sonno, infatti, che il corpo rimuove le scorie, ristabilendo e reintegrando il corpo durante lo stato anabolico. Ad esempio, se il pH delle vostre urine o della saliva è di 5.5, e sale solo al 5.6 dopo aver mangiato, significa che siete in carenza di riserve alcaline, e che il vostro corpo è privo dei minerali necessari per trasformare debitamente il cibo: il vostro corpo non riesce a rispondere in modo adeguato alla crisi fisiologica data dall’acidità dei cibi e delle bevande ingerite. Per aumentare le riserve alcaline e il pH dei fluidi interstiziali ed extracellulari, prendete i sali BASENPULVER.

3.  Il pH della saliva e delle urine dopo aver mangiato o bevuto è indicativo delle vostre riserve minerali alcaline, e dell’abilità del vostro corpo a trattare i residui acidi creati dalla digestione di un determinato alimento o bevanda. È normale che il vostro pH aumenti dopo aver mangiato o bevuto, non lo è se diminuisce o rimane uguale. Anche questo fattore è utile per determinare l’eventuale incapacità del nostro organismo a trattare gli acidi, la mancanza di riserve alcaline, e l’accumulo di acidosi latente nei tessuti. Ciò può essere modificato aumentando i tamponi alcalini. Anche solo pensando a dei cibi come l’avocado o il limone, il pH della vostra saliva dovrebbe aumentare di un intero punto o dieci volte. Questo semplice test indica che avete riserve minerali alcaline sufficienti da introdurre nel vostro canale alimentare per iniziare il processo del tampone alcalino. Il pH ideale di saliva e urine è di 7.2 al risveglio, 7.2 prima di mangiare e da 7.2 a 8.5 dopo un pasto alcalino. Potete fare un semplicissimo test di quanto detto, mangiando qualche mandorla durante l’arco della giornata. Questo vi consentirà di controllare se le riserve alcaline del vostro corpo sono adeguate. Quando una persona in salute e con adeguate riserve alcaline mangia delle mandorle, il pH salivare può aumentare fino a 8.4. Più acido è il cibo ingerito, più rapida sarà la risposta delle vostre riserve alcaline, e più alto, di conseguenza, sarà il ph salivare dopo un pasto.

4. Il pH di saliva e urine tra due pasti dovrebbe essere mantenuto in una media basica da 7.2 in su. Dopo un pasto, lo stomaco rilascia il bicarbonato di sodio necessario per alcalinizzare il cibo. Mentre mette in atto questo processo, crea una quantità equivalente di bicarbonato di sodio che verrà prelevata dal sangue e rilasciata alle varie ghiandole alcaline presenti nell’organismo: la saliva, il pancreas, la cistifellea, il piloro, lo stomaco e il fegato. La quantità massima di acidi basici nel sangue, e quindi nelle urine e nella saliva, si avrà una o due ore dopo aver mangiato.Frederick F.Sanders ha definito il ritmo del flusso acido-base del nostro corpo “le ondate basiche e le correnti basiche del nucleo acido-base”.Queste informazioni sono state pubblicate per la prima volta nel 1930, da Frederick F. Sanders, uno scienziato tedesco, in un libro chiamato appunto “Il nucleo acido-base dell’organismo e la sua cooperazione con la circolazione delle unghie e il rirmo del fegato”.In questo libro Sanders afferma che l’acidità maggiore dei fluidi del corpo, e dunque anche delle urine, si ha alle 2 del mattino (pH da 5.0 a 6.8: la cosiddetta “corrente basica”), e l’alcalinità maggiore alle 2 del pomeriggio (pH da 7.0 a 8.5: la cosiddetta “ondata basica”).

5.  Il pH ideale dipende quindi dal momento della giornata.  Se tracciamo una curva, in questi due momenti della giornata si avrannò due picchi simili alle due gobbe di un cammello. L’urina dovrebbe essere alcalina due volte al giorno, e i picchi della gobba si dovrebbero avere alle 10 del mattino e alle 2 del pomeriggio, che caratterizzano le correnti alcaline dopo i pasti. Durante il resto della giornata, il pH dovrebbe essere tra 6.8 e 7.2. La prima urina del mattino dovrebbe essere più acida in seguito alla decalcificazione in atto durante la notte per neutralizzare gli acidi in eccesso.Se gli acidi generati in una giornata dalla digestione, dalla respirazione, dal metabolismo, dalle emozioni e dalla tossicità dell’ambiente non vengono tutti espulsi durante la notte, essi verranno tutti accumulati, giorno dopo giorno. La conseguenza di ciò è il manifestarsi di stati di squilibrio del corpo, il quale cercherà disperatamente di mantenere il pH dei fluidi alcalini al 7.365. L’accumulo quotidiano di acidi riguarda ciascuno di noi in modo diverso, e dipende da fattori genetici, dallo stile di vita e dall’alimentazione.Ho riscontrato il fatto che gli acidi si fissano nelle parti più deboli del nostro corpo, e se non vengono eliminati attraverso le feci, le urine, i polmoni o la pelle, sono destinati a prolificare e immagazinarsi nei nostri fianchi, coscie, stomaco, nel petto e nel cervello. Morale della favola: gli acidi sono espressione di tutte le sintomatologie, e la diretta causa di TUTTE le malattie e disturbi.Tenere sotto controlo il pH della saliva e delle urine ci aiuta quindi a responsabilizzarci rispetto la nostra salute, e a capire che tutto è nelle nostre mani. Si tratta di uno strumento utile a guidarci nelle terapie da seguire per noi stessi e per capire che il modo in cui viviamo, mangiamo e beviamo determina la qualità e la durata della nostra vita. Eseguite i test di saliva e urine tutti i giorni per almeno 12 settimane, o almeno fino a quando il vostro pH non si sarà stabilito a 7.2. Una volta raggiunto questo risultato, potrete diminuire il numero dei test prima a uno al giorno, poi uno per 2-3 volte alla settimana.

Prodotti consigliati nel portale di Coop Serena: 
BASENPULVER

IONIZZATORE O MACCHINA DELL’ ACQUA ALCALINA

ALKAWATER

METARELAX

METASTUDENT

NUTRIMONIUM

PHMETRO TASCABILE

Libri:  MIRACOLO  PH ALCALINO

ALCALINIZZATEVI O IONIZZATEVI O INVECCHIERTE E MORIRETE PRIMA

DVD di Robert Young a Padova il 30.10.2011

Altri articoli sull’argomento:

Cosa vuol dire equilibrio acido-alcalino?

EQUILIBRIO ACIDO-BASICO: i vari tipi di acidosi e le soluzioni.

Equilibrio acido-basico: i principali sistemi-tampone del corpo umano.

I migliori sistemi di basificazione dell’organismo.

I cibi acidificanti

vedi anche L’importanza della disintossicazione

vedi anche  Uomo e donna: invecchiamento diverso.

Leggi anche: I 7 vizi capitali della nostra alimentazione:

1. La forza del cuore. Potassio batte Sodio: 5 a 1!

2. l’Errata assunzione di acidi grassi

3. l’Errata distribuzione dei macronutrienti

4. lo Scarso contenuto di micronutrienti

5. lo Scarso contenuto di fibra

6. l’Errato equilibrio acido-base ( OVVERO LA BASIFICAZIONE DELL’ORGANISMO)

7. Come correggere lEccessivo carico glicemico

Altri recenti articoli sulla basificazione, detossificazione, depurazione  e disintossicazione:

QUANDO SAPRAI CHI SEI… NULLA TI POTRA’ FERMARE!!!

La molecola più disintossicante che ci autoproduciamo: GLUTATIONE

Alcune ricette di Michel Barbaud per detossificare e alcalinizzare l’organismo.

ACAI: UNA BACCA DA QUASI 50.000 ORAC X 100 GR!

La disintossicazione dalla disgregazione economica.

Tempi di Apocalisse, tempi di digiuno… tempi di felicità!

Perchè ci occupiamo di alimentazione e tubo digerente: PIÙ CITTADINI E MENO CONSUMATORI.

Appello per salvare le Api. L’esatto contrario delle verità…

IL SUCCO DI COCCO VERDE: eccezionale per la detossificazione!

Fumo e disintossicazione (parte 1).Lo sapevate che….

Fumo e disintossicazione (parte 2)…Alcuni consigli sul come smettere di fumare.

La transizione interiore.

Come si prepara il latte di mandorle. Confronto tra i vari tipi di latte.

Le tre fasi della disintossicazione

La disintossicazione a livello spirituale

I migliori sistemi di basificazione dell’organismo.

Uomo e donna: invecchiamento diverso.

L’importanza della disintossicazione.

I cibi acidificanti

L’equilibrio dell’intestino: le legge delle 4 R

La pulizia del fegato (e cistifellea) della Dr.ssa Clark


 

 

Discussion1 Comment

  1. Cosimo scrive:

    E’ un ottimo rimedio x chi è affetto di tale carenza, ma che potrebbe essere anche una patologia se non curata adeguatamente. Grazie a chi studia per dare all’umanità un sollievo eccellente, per una vita migliore e piena di serenità. Grazie ancora. Mimmo

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>