Qual è Il migliore estrattore di succo vegano 2017? Ed il migliore essiccatore attuale? (best seller vegan).

by

Non esiste un estrattore migliore in assoluto, ma esiste un migliore estrattore in base ai bisogni o alle preferenze che l’acquirente ha in un determinato momento.

Sommario: Distinguiamo le principali categorie di interesse nelle seguenti sette:

1.  il più bello
2.  il più sicuro
3.  il più facile da utilizzare
4.  quello che fa il succo più buono (e più salutare)
5.  il più green
6.  quello con il prezzo più basso
7.  ed il migliore  differenziale qualità/prezzo 

———–

8. le novità del 2017

————

1.  L’estrattore più bello, di maggiore design.

Il “bello” è soggettivo. Per questo ci limitiamo a segnalare i vincitori degli ultimi anni  del più prestigioso premio mondiale dedicato al design degli oggetti da cucina.

hurom_hhebe-11

Hurom HHEBE11               premio Red Dot design  2013 (clicca sull’immagine per vedere il prezzo)

congostessenzia

Elena Congost, oro maratona Rio 2016 ed Essenzia Coway, premio Red Dot design 2013 (clicca sull’immagine per vedere il prezzo)

 

hurom_hw-sbf15

Hurom HW-SBF15 premio Red Dot design 2015         (clicca sull’immagine per vedere il prezzo)

juicepresso-fiber-control

Coway Siquri Fiber Control premio Red Dot design 2016 (clicca sull’immagine per vedere il prezzo)

Anche le versioni successive dal 2013  fino ad oggi delle marche coreane Hurom e Coway hanno mantenuto  la stessa linea di design che abbiamo mostrato sopra.

Le aziende coreane  si caratterizzano per una  speciale attenzione al Design. Per “Design” non intendiamo solo la semplice comunicazione a livello estetico, ma tutta la filosofia  che ci sta sotto, informata a ben precisi e speciali Principi, che i produttori si impegnano a realizzare concretamente. Nel sito di Coway leggiamo i loro principi di design: Honest, Intuitive, Harmonious, Innovative, Timeless. nel sito di Hurom leggiamo: people, ethics. innovation, passion.

2.  il più sicuro (cioè con i materiali migliori che resistono più anni e che non cedono residui e/o tossine, che non inquinano etc. ).

kuvings_c9500

C9500 L’ultimo modello della casa coreana Kuvings a 50 giri al minuto. Kuvings è detentrice del brevetto “a bocca larga”. (Clicca sulla foto per vedere il prezzo)

Attualmente esistono degli standard qualitativi a livello di produzione molto diversi tra Corea e Cina che sono attualmente  i  produttori mondiali che detengono una quota di mercato pari al 99% della produzione mondiale di estrattori. Parimenti la quasi totalità dei brevetti è detenuta dalle aziende coreane (le principali sono Coway, Hurom e Kuvings), paese in cui è stato inventato e costruito per la prima volta l’estrattore di tipo verticale, cioè il tipo di estrattore che tutti oggi conosciamo e che soprattutto negli ultimi due anni hanno cominciato a produrre anche un buon numero di aziende cinesi.

hurom17giri

H-AA L’ultimo modello della coreana Hurom a 17 giri (clicca sulla foto per vedere il prezzo)

juicepresso-fiber-control

Fiber Control a 32 giri l’ultimo modello della Coreana Coway-Siquri. Coway è titolare del brevetto “coclea 3 in 1″ a pezzo unico e del brevetto “Pulp Controller” con cui si può controllare la quantità e qualità della fibra nel succo ( clicca sulla foto per vedere il prezzo)

essenzia1

Essenzia Green a 32 giri è il modello Siquri che esce sul mercato nel febbraio 2017 , prodotto dalla coreana Coway. Coway è titolare del brevetto “coclea 3 in 1″ a pezzo unico ed è il più facile, semplice, veloce e sicuro estrattore in commercvio ( clicca sulla foto per vedere il prezzo)

A questo proposito vanno distinte quelle aziende che si limitano a rispondere ai requisiti minimi di legge e quelle che si pongono obiettivi qualitativi di qualità molto più elevata e che soprattutto investono concretamente sulla qualità, mettendo al centro l’uomo, la sua salute ed il benessere.  Purtroppo questi aspetto è perseguito solo dalle aziende coreane ed a proposito di requisiti minimi di legge registriamo delle notevoli carenze legislative, soprattutto nel campo del commercio internazionale ed in particolare da certe origini, come non ultima la Cina, che evidentemente gode di una posizione di privilegio,  dovuta alla propria potenza egemonica a livello commerciale globale, essendo tra l’altro detentrice della maggior parte del debito dei paesi occidentali. Sicuramente la Cina non è ai primi posti nella classifica dei paesi che mettono al centro i valori relativi all’Ecologia e all’Uomo, non ultimo il rispetto dei diritti di brevetto ed opere intellettuali, la cui legislazione cinese appare ancora molto controversa e lacunosa, per cui la gran parte delle aziende cinesi stanno copiando i modelli coreani (…e non solo), seppur coperti da brevetto, dando l’impressione di utilizzare la stessa ottima qualità dei materiali, che tale non è.  I loro standard costruttivi dei prodotti mirano in modo preciso solo al business e non al benessere delle persone e al rispetto dell’ambiente. Va riconosciuto in quest’ultimo anno uno sforzo da parte del governo cinese in tale direzione e siamo convinti che in futuro, data la propria primaria forza finanziaria, sarà proprio la Cina   a divenire leader tecnologica e dare pertanto un grosso contributo ai grandi problemi del nostro pianeta malato ed inquinato. Oggi però ancora così non è ed anzi la Cina si trova ad affrontare importanti problemi di inquinamento, che esporta anche con molti loro prodotti, che risentono si dell’ambiente in cui sono prodotti, ma soprattutto delle procedure e della mentalità esistente. E’ risaputo come un fatto non più casuale che in Cina una giovane coppia appena sposata, debba aspettare mesi e talvolta anni prima di entrare nel proprio appartamento nuovo appena acquistato, per permettere lo smaltimento  dell’endemico inquinamento da formaldeide! Non a caso nelle nostre analisi dei prodotti cinesi andiamo ricercare proprio la formaldeide, così come il  cianuro e soprattutto le resine epossidiche, che detengono la malaugurata proprietà di viraggio degli enzimi, che vedremo essere la principale componente qualitativa dell’estratto o “succo vivo”, che dir si voglia.

materiaprima1

Nel canale youtube ” MATERIA PRIMA ” si possono trovare gratuitamente molti contenuti video

Un altro esempio classico della differenza tra un prodotto coreano e cinese è il costosissimo ed avanzatissimo materiale “ultem”, con cui si produce la famosa coclea, cioè la vite senza fine tipica dell’estrattore, nonchè una delle principali caratteristiche dell’estrattore, quella che gira lentissimamente, il più lento possibile (La tecnologia odierna è arrivata in 32 giri ma dalla seconda metà  del 2017, sarà disponibile il primo estrattore a 15 giri. ( vedi il nostro articolo Estrattore di succo a bassa velocità : perchè il numero dei giri è così importante… ) La stragrande maggioranza delle aziende cinesi si limitano al minimo di legge, che è lo standard produttivo cinese, mentre solo le aziende coreane producono al 100% in ultem. (Rileviamo che i succhi sono per la gran parte acida, anche se hanno funzione alcalina. Quindi essendo  gli acidi particolarmente corrosivi , è assolutamente necessario che il materiale sia “100% ultem”, anche se molto costoso).

3.  il più facile da utilizzare (il più veloce da pulire, il più semplice da “manutentare”, che ha meno pezzi soggetti ad usura o che si possono rompono, il più robusto, il più ergonomico)

essenziagreen1

Quando apri l’estrattore per ripulirlo, dentro alla ciotola trovi un solo unico pezzo! La pulizia è facile e veloce. Il pezzo è massicciamente robusto e dura molti anni.

coclea12x

La semplicità del gesto è sorprendente: con una semplice rotazione smonti e/o sostituisci il filtro.

coway-juicepresso-cjp-03-sesSu questo punto  esiste un unico estrattore al mondo in grado di essere pulito in meno di 30 secondi, grazie al brevetto della coclea a pezzo unico  “3 in 1″. Si tratta del già nominato Essenzia Green. Quando si finisce di fare l’estratto infatti, basta aprire il coperchio, togliere l’unico pezzo che si trova all’interno della ciotola e sciacquarlo sotto al rubinetto.  A parte la ciotola stessa non c’è nessun altro pezzo da smontare, pulire e rimontare. Negli altri estrattori oltre alla coclea, bisogna inoltre staccare il cestello interno più  quello esterno, ancora pulire le tre alette in silicone del cestello esterno, infine la rotellina sul fondo della ciotola che facilita la rotazione del filtro. Ovviamente tutti questi pezzi oltre che soggetti alle opere di  pulizia sono relativamente fragili e comunque soggetti ad usura o rotture.

coclea22x1

Una versatilità estrema racchiusa nella nuova coclea ultra resistente di Essenzia Green! (clicca sulla foto per approfondire)

Ulteriore brevetto di Essenzia Green  è l’EasyLock System, il nuovo cuore di estrazione: la semplicità delle forme, racchiude un’intuizione geniale, che porta vera innovazione nel campo degli estrattori di succo. Quando si vuole o quando è necessario, per effettuare una pulizia più a fondo, con un semplice clic si può aprire. Si smonta il filtro in un “Lock”. La semplicità del gesto è sorprendente: con una semplice rotazione smonti e/o sostituisci il filtro. Una versatilità estrema racchiusa nella nuova coclea ultra resistente di Essenzia Green.  Il fatto che il cuore di spremitura di Essenzia, fonda assieme coclea, filtro e cestello, non ha solo un effetto sulla semplicità e velocità d’uso: il nuovo concept aumenta la qualità organolettica del succo ottenuto. Sono in particolar modo i bambini e le mamme a preferire questa tipologia di succo, dal gusto molto “tondo e pulito”.

pacchietoessenzia

Essenzia Greeen fornisce video corsi facilitatori e ricettari di grande qualità (clicca sulla foto per approfondire)

Non ultima ragione per cui  Essenzia Green stravince in questa categoria è che è l’estrattore più “intelligente”. Fornito con un kit che comprende  interessantissimi video corsi sull’utilizzo degli estrattori in tutte le multiformi sfaccettature  e soprattutto con un sito specificatamente dedicato a ricette e video ricette ed un sacco di materiale dedicato all’utilizzazione più easy ed interessante di questo stupendo elettrodomestico : siquri.it ed il canale web Materia Prima. Produce i più interessanti e completi ricettari presenti nel mercato mondiale. insomma Essenzia Green è sicuramente l’estrattore che dispone dei maggiori contenuti in quantità e qualità del web.

Oltre al bellissimo ed elegante design vanta di essere l’estrattore attualmente più compatto e che occupa meno spazio in cucina  (dimensioni 177x150x426 mm)

4. quello che fa il succo più buono e più salutare

Anche la bontà è un aspetto soggettivo del succo. Ciò che oggi è oggettivo invece sono alcune tecnologie utilizzate ed anche in questo caso usate solo dalle aziende coreane e solo in parte copiate dai produttori cinesi. Ci riferiamo alla questione dei materiali già vista sopra, che non devono cedere materiali estranei o residui. Inoltre al tipo di coclea che deve essere in grado di estrarre un succo perfetto (senza fastidiosi pezzetti, odiati soprattutto dai bambini e tantomeno il cosiddetto “effetto sabbia”, che abbiamo trovato in molti estrattori di produzione cinese. (Per esempio questi presentano un’estrema facilità di otturazione dei buchi fini relative al filtro). Ovviamente  poi il succo non si deve separare differenza estrattore centrifuga, deve essere omogeneo e gustoso, non acido o di “gusto acquoso”. Certamente molto dipende dalla Qualità di frutta utilizzata: noi ci riferiamo al fatto che venga rispettata dal succo la qualità della frutta utilizzata. Non sempre purtroppo questo avviene perché qui entra in gioco un’altra variabile fondamentale, tipica degli estrattori e cioè la quantità di enzimi attivati.  In questo articolo comunque abbiamo spiegato i motivi Tecnici della separazione che avviene soprattutto nelle centrifughe, ma purtroppo anche in alcuni estrattori di bassa qualità : Perchè il succo delle centrifughe separa in strati e l’estrattore no? Quali conseguenze ha sulla qualità del succo?

essenziaredlentiA questo punto dunque dobbiamo inserire la variabile relativa al numero dei giri del estrattore. Abbiamo già trattato ampiamente questo argomento dell’articolo Estrattore di succo a bassa velocità : perchè il numero dei giri è così importante…. , pertanto qui ci limitiamo ad un breve riassunto.

juicepresso-fiber-control

L’estrattore Fiber Control fine 2016 della coreana Coway a 32 giri al minuto (clicca sulla foto per vedere il prezzo)

L’importanza della riduzione dei giri è ovvia: al crescere del numero dei giri, aumenta l’attrito  e quindi anche  il calore prodotto, con la conseguente “sofferenza” e relativo depauperamento delle vitamine termolabili e soprattutto con l’inattivazione dei delicatissimi, quanto formidabili enzimi. Ancora, al crescere del numero dei giri, aumenta la quantità d’aria introdotta e quindi l’ossidazione degli stessi principi attivi contenuti nel succo.

Più è basso il numero di giri, maggiore è dunque l’attivazione della parte enzimatica e quindi del gusto. La capacità di attivare gli enzimi (che ci risulta essere una funzione unica nel panorama degli elettrodomestici oggi in commercio) sono la ragione principale del successo degli estrattori, i quali sono stati ideati per ragioni salutistiche e cura di importanti malattie, ma poi in realtà hanno riscontrato quel grande successo che hanno avuto, sopratutto per motivi squisitamente organolettici  e cioè perchè l’estratto è molto, molto, molto  più buono di qualsiasi altro tipo di succo.  Gli enzimi quindi oltre ad essere importanti fattori di salute, sono ancor più importanti fattori di gusto!

enzimi4

A cosa servono gli enzimi Alcune reazioni hanno una bassa energia di attivazione, per cui il calore presente nell’ambiente cellulare (circa 37°C) è sufficiente ad attivare i substrati. La maggior parte delle reazioni metaboliche (come la glicolisi o l’ossidazione degli acidi grassi) ha tuttavia un’energia di attivazione elevata e non avverrebbe praticamente mai spontaneamente nelle condizioni cellulari.

Gli enzimi vengono attivati proprio da quel movimento toroidale a spirale della “Vite senza fine” lenta,  ovvero dalla coclea, che giri il più lentamente possibile, di modo che il campo elettromagnetico ed il campo galvanico (quello che apre e chiude il cancello delle cellule….) emessi dal motore siano il meno influenti possibile nella ciotola che raccoglie il succo. 

Questo non è un problema di poco conto perché più lentamente gira la coclea, più tecnologico deve essere il motore, perché più lento gira, più deve essere potente e dunque maggiori sono i problemi  di altissima tecnologia da risolvere, come quelli risolti per l’innovativo motore del modello uscito a fine dicembre 2016 della Coway , il Fiber Control (con il “Controllore di fibre”). È un motore potentissimo che riesce a spaccare addirittura i cubetti di  ghiaccio, eppure gira a soli 32 g/min. (…prima di questo modello qualsiasi cubetto di ghiaccio inseriti in un estrattore avrebbe rotto tutto…!).

Uno dei fattori complementari di estremo interesse  riguardanti il movimento a vortice  sarà tema di numerosi articoli che verranno pubblicati nei prossimi giorni a proposito delle proprietà dell’acqua, giacché molte delle funzioni biofisiche legate agli enzimi sono strettamente correlate all’ attività  dei domini di coerenza che si formano nell’acqua soggetta a determinati tipi di campi elettromagnetici. Una cosa  è certa: che l’acqua contenuta nella frutta e nella verdura è la migliore forma d’ acqua che esista nel pianeta terra e naturalmente la migliore acqua per l’alimentazione umana, anche se ancora non abbiamo idea di come faccia la natura a filtrare l’acqua nel modo in cui la troviamo all’interno della frutta e verdura stessa.

hurom17giri

2016 Hurom  serie Alpha H-AA 17 giri minuto  ( ma sempre con motore a 43 giri) evoluzione del vecchio HU700   (clicca sulla foto per vedere il prezzo)

Mentre Kuvings, la terza azienda coreana, non è ancora riuscita a scendere sotto i 60 giri, l’altra azienda coreana  Hurom (ormai è una lotta tra aziende coreane, mentre i cinesi restano a guardare , cioè a copiare…incapaci di scendere sotto i 60 giri), anch’essa a fine 2016 ha lanciato sul mercato mondiale il primo modello a 17 giri. Si tratta però di uno stratagemma, perché il motore continua a girare a 43 giri, ma grazie a un sistema di ingranaggi a livello del filtro, si riesce a ridurre la velocità del solo filtro a 17 giri. Il campo elettromagnetico e galvanico emessi dal motore però restano gli stessi del modello precedente. Per quanto riguarda Kuvings sembrerebbe dai nostri test, peraltro ancora in corso,  che il vecchio modello attivi di più gli enzimi rispetto al nuovo.

kuvings_b6000

Kuvings B6000S 50 giri al minuto  è il modello vecchio,  ma riesce ad  attivare  gli enzimi meglio del nuovo modello C9500. (Clicca sulla foto per vedere il prezzo)

Il brevetto di Kuvings è quello di avere inventato l’estrattore a bocca larga, che molte aziende cinesi hanno copiato e stanno producendo In barba ai diritti di brevetto di Kuvings. Dobbiamo anche per onestà ammettere  che la larghezza queste “bocche” attualmente in commercio variano tra 75 e 78 mm per cui non entrano le mele grandi. Per questo è necessario l’estrattore professionale di Kuvings o di Siquri.

professional_car_01Vero è che con questi tipi di estrattore a bocca larga  di tipo domestico (ben diversi dalle bocche larghe degli estrattori professionali! vedi l’articolo  L’ESTRATTORE PROFESSIONALE PER ATTIVITA’ COMMERCIALI: SIQURI H24 (24 ORE) ) basta tagliare la frutta in due mentre  in quelli a bocca normale come per esempio il  Fiber Control bisogna tagliarla in tre o quattro parti (Le carote e le verdure lunghe invece vanno giù intere in ambedue i tipi di estrattore).  In definitiva l’unico frutto che si può mettere intero è la mela e poco altro… Perché per esempio l’arancia deve essere sbucciata in quanto gli oli essenziali presenti nelle bucce degli agrumi non sono ben tollerati dagli intestini umani ed spesso presentano controindicazioni importanti.  Per questa operazione, cioè quella  di tagliare in quattro o in tre pezzi  anziché in due però  si perde molto meno tempo che non  per le altre operazioni di uso dell’estrattore, cioè pulizia, lavaggio, lunghezza  del tempo di utilizzo senza necessità di intervento, etc. Sono queste in realtà le operazioni che fanno perdere più tempo, più che tagliare la frutta in un pezzo in più…  Quindi il Fiber Control alla fine dell’economia risulta comunque più veloce ed efficiente nei tempi e quantità di produzione, nonostante non abbia la “bocca larga”. C’è anche da dire che dopo un po’ (cioè qualche minuto di estrazione) l’estrattore cinese con la bocca larga tende a rallentare la sua efficienza fino a rendere necessario un lavaggio completo (perché con l’uso e soprattutto con certi tipi di frutta si crea uno strato superficiale sul filtro, per cui non si riesce più ad estrarre. …cosa che non accade con il Fiber Control o che comunque accade molto tempo dopo…

verdura_avvizzita

I maggiori contenuti di nitrati/nitrati, oltre che dannosi alla salute, fanno avvizzire prima la verdura e fanno produrre più schiuma nel succo

Ovviamente vanno considerate anche altre cause che dipendono dai tipi di frutta e verdura, da quanto sono mature, Dalla loro freschezza e consistenza e soprattutto  dalla loro qualità come per esempio  il contenuto di nitrati, che abbonda in molte foglie a seconda delle tecnologie agronomiche utilizzate: i nitrati tendono a  rendere le foglie – vedi l’insalata –  “Tenere e molli”, in dialetto qui in Veneto si dice “fiape”, cioè appassite, avvizzite, insomma tutt’altro che croccanti. Va anche osservato che essendo “la bocca larga”  un brevetto della coreana Kuvings, c’è da aspettarsi che prima o poi la casa produttrice intervenga per difendere il proprio brevetto, contro chi se ne appropria in modo così impudente e scorretto. (Finora non è ancora intervenuta sia per motivi di natura politica, sia per motivi di opportunità commerciale…, ma le cose stanno velocemente evolvendosi, man mano che l’estrattore conquista quote di mercato a livello mondiale). Quando ciò si verificherà, questo  provocherà qualche problema anche all’incolpevole consumatore finale dei prodotti “Made in China”, che così non riuscirà più a trovare i ricambi degli estrattori a bocca larga, dal momento in cui sarà bloccata la produzione di queste “copie  illegali”, ad opera della detentrice del brevetto Kuvings. Ormai in Cina infatti le case produttrici di queste copie illegali sono molto diffuse e quindi molto importante anche in Italia.

mezzamelaSul fatto poi di inserire nell’estrattore la frutta intera esistono anche in quel caso delle riserve da parte dei nutrizionisti e da certa parte del mondo medico in quanto è risaputo che per esempio nella mela tutte le eventuali sostanze inquinanti (… dipende da come è stata coltivata) si concentrano al livello del torso torso_-mela(dove tra l’altro ci sono anche i semi della mela che andrebbero eliminati in quanto contengono acido cianidrico, la cui ingestione può provocare intossicazione ed avvelenamento di varia entità, in base alla mole ingerita.)

monsanto

Per avere le stesse proprietà di una mela di 30 anni fa, oggi bisognerebbe mangiare 10 mele. L’estratto permette di recuperare questo gap e di estrarre per lo più la parte vitale del frutto (grazie all’attivazione degli enzimi, azione  tipica dell’estrattore e grazie all’effetto dell’acqua filtrata in modo ancora sconosciuto dalla Natura… )

Visto che ci siamo approfondiamo anche questo argomento, anche se in realtà non lo riteniamo così importante, in quanto bisognerebbe consumare una grande quantità di questi semi, perché questi abbiano un effetto intossicante. Ma siccome riceviamo molte richieste in proposito e tutto sommato potrebbe essere rilevante per chi usa gli estratti per curare certe malattie importanti, approfondiamolo pure… Inoltre questi semi, così come molti inquinanti usati in agricoltura eventualmente presenti, finiscono nella  parte di scarto e non nel succo.  I semi della mela sono caratterizzati dal contenuto di amigdalina (o vitamina B17), un composto glicosidico cianogenetico estremamente tossico quando sottoposto ad idrolisi enzimatica. Pensiamo per esempio agli effetti dei residui delle resine epossidiche, che abbiamo trovato finora in tutti gli estrattori cinesi a causa dell’uso di materiali di scarsa qualità, proprio di un certo tipo, molto diffuso, di quella cultura industriale. Le resine epossidiche hanno questo terribile potere di tirare le reazioni enzimatiche, diciamo così “dal bene verso il male”.

atomizzatore

No pestiicidi! Grazie

Per tornare alla nostra amigdalina in seguito ad una reazione chimica idrolitica, l’amigdalina libera acido cianidrico, la cui ingestione può provocare intossicazione ed avvelenamento di varia entità, in base alla mole ingerita. Certo per arrivare ad una dose veramente tossica o addirittura letale ce ne vuole: si stima che la LD 50 (dose letale media) di acido cianidrico assunto per os (ingestione orale) si aggiri intorno a 50 mg/Kg di peso corporeo: dosi massicce provocano morte istantanea per arresto respiratorio in pochi secondi. In altre parole, si ritiene che sia sufficiente solamente mezza tazza di semi di mela per uccidere un adulto, mentre un bambino potrebbe rischiare la morte anche con dosi di semi di mela molto inferiori. Ad ogni modo, ogni mela contiene una quantità minima di semi, dunque l’intossicazione involontaria è pressoché rara. … Diremmo che probabilmente è più grave piuttosto l’intossicazione silente delle sostanze che la mela concentra a livello del torso, qualora sia stata coltivata in ambienti tossici (… e non esiteremmo a definire “tossici” non pochi frutteti! Basti pensare a quei meleti che vediamo così spesso trattare in modo intensivo, come per esempio in Val di Non, dove spesso la popolazione locale si solleva e lamenta non poche controindicazioni a livello della salute, in particolar modo a livello respiratorio.

melasemiTornando ancora una volta ai nostri semi di mela, vediamo meglio gli effetti nell’organismo dell’amigdalina. Il problema più allarmante dei semi di mela non è l’amigdalina in sé, poiché poco reattiva: l’amigdalina, tuttavia, è in grado di reagire con un particolare enzima (beta-glucosidasi) e, in seguito alla degradazione della sostanza tramite idrolisi, liberare acido cianidrico (oltre a due molecole di glucosio ed una di benzaldeide). L’amigdalina assunta per via orale risulta 40 volte più pericolosa e tossica rispetto ad una stessa dose iniettata per via endovenosa: ciò è spiegato dal fatto che, nonostante l’uomo non produca direttamente enzimi beta-glucosidasi nell’organismo, la flora batterica è comunque in grado di degradare l’amigdalina grazie ad alcuni enzimi beta-glucosidasi simili.

Ripetiamo che si tratta di casi rarissimi riscontrati in condizioni eccezionali di patologia e  di consumi fuori dalla norma e che per fortuna ora sono esclusi grazie all’uso dell’estrattore, che scarta i semi dall’estratto (sempre se abbiamo la sicurezza di aver un buon estrattore come nel caso di quelli coreani).

Come diciamo sempre però, occupiamoci di introdurre stili di vita consapevoli ed atti ad inquinare sempre meno ed anzi a disinquinare, questo certamente! Ma allo stesso tempo non preoccupiamoci più di tanto di tutti questi veleni, se no dovremmo impazzire! Inoltre rischieremmo nel cadere in quella famosa nuova malattia di chi si preoccupa troppo dei cibi sani: “l’ortoressia”. ( Sani si, ma non troppo…!).  Occupiamoci piuttosto di tenere in forza il nostro sistema immunitario ( vedi l’articolo I sintomi dell’infiammazione ed il risveglio (del sistema immunitario… e non solo! ) , beviamo sempre tanta acqua pura (e magari attivata…), facciamo un po’ di attività fisica, alimentiamoci il meglio possibile e soprattutto utilizziamo estratti fatti con macchinari seri e validi, perché una volta attivati gli enzimi, potremo godere degli effetti della frutta della verdura sul nostro organismo. Una volta attivati gli enzimi, questi estratti si trasformano in “alicamenti” e ciò significa che diventano assolutamente migliori di qualsiasi tipo di farmaco, finora inventato dall’uomo. La natura dimostra sempre un’”intelligenza superiore”. È solo una questione di tempo, alla fine si dimostrano sempre più efficaci ed efficienti  i processi naturali. La Natura è più forte ed alla lunga vince sempre lei!

essenziagreen2

Essenzia Green, probabilmente l’ Estrattore più geniale e rivoluzionario, facile da usare, compatto, ergonomico, semplice, bello

5. il più green  (quello che consuma meno, il più facile da smaltire, quello che contiene “meno plastica”, il più ecologico, quello che occupa meno spazio,il più sostenibile)

essenziagreen3Anche in questo settore non abbiamo dubbi: vincitore assoluto della categoria è Essenzia Green,  l’unico estrattore attento a queste qualità e già vincitore assoluto nella categoria “il più facile, comodo, veloce da usare”. Essenzia Green è l’evoluzione del primo modello 2013 (Essenzia Red) e ingloba tutti i suggerimenti che ci sono pervenuti dagli utilizzatori per migliorare ulteriormente l’usabilità in tutte le fasi di preparazione del succo.
La riduzione della plastica utilizzata in fase di produzione, porta Essenzia Green ad essere l’estrattore di succo più ecologico attualmente in commercio, con una sensibile riduzione di PVC (componente altamente inquinante) immesso nell’ambiente. Essenzia Green è l’espressione di un design che toglie il superfluo per farne uno strumento utile ad accompagnare il tuo benessere a casa, a lavoro ma anche in viaggio. Design compatto, basato sull’idea di eliminare il più possibile lo spazio occupato in cucina e i disagi nella pulizia di un elettrodomestico. Il disegno innovativo e vincitore del prestigioso premio Red Dot Design, è costituito da un’unica scocca che conferisce un design pulito e lineare: un’opera d’arte in cucina.

Consuma solo 150w, pur con un motore potentissimo: abbiamo fatto la prova di inserire per esempio dell’ananas con la buccia, un test tipico che serve per mettere sotto sforzo un estrattore. In queste condizioni molti si inceppano o/e addirittura si rompono.  Non così Essenzia Green, che non si ferma proprio mai e resiste a qualsiasi condizione di difficoltà e di super utilizzo.

 Questo modello è  frutto di una importante Partnership tra l’italiana Siquri e la coreana Coway. Siquri ha compiuto,  soprattutto in Italia e Spagna,  un consistente lavoro di ricerca, registrando le osservazioni e le necessità segnalate dagli utilizzatori di questi due paesi ed elaborandone le soluzioni. Coway  dotata del più grande centro di ricerca del mondo in materia di estrattori e dispositivi per l’acqua, ha messo a disposizione le risorse per realizzare questa evoluzione, per molti aspetti rivoluzionaria. Vedi questo video sulle attività R&D di Coway:  https://www.youtube.com/watch?v=2JyV2McAisE .

6. quello con il prezzo più basso,  con due sottocategorie in base al paese di produzione, cioè alle due scuole di pensiero, da cui derivano i principali brevetti. La distinzione si rende necessaria per l’abisso qualitativo che esiste tra gli estrattori prodotti in Corea e quelli prodotti in Cina (RPC o CPR) :

a) estrattore coreano più economico b) estrattore cinese più economico

—————————————————————————-

a) estrattore coreano domestico più economico   (Hurom, Kuvings e  Coway detengono numerosi brevetti tra cui segnaliamo quelli di maggiore successo commerciale: il brevetto di Coway   sul pezzo unico intero non smontabile ed il   brevetto Kuvings sulla bocca larga)

Classifica gennaio 2017 Estrattori Domestici Coreani più economici::

juicepressocjp01

J

1. Juicepresso Coway  CJP03 40 giri  prezzo di circa  199 euro Coway si è caratterizzata sul mercato per molte innovazioni  e brevetti (il primo estrattore ad avere  ridotto il numero dei giri a 40). Soprattutto per una innovativa politica sociale di prezzi equilibrati, che ne ha fatto uno degli estrattori più venduto in Italia. È un modello vecchio del 2013 ma ancora molto venduto.

2. Essenzia Siquri  40 giri prezzo di circa 299 euro  essenzia_miglioreEssenzia Green ha innovato molti dettagli relativi all’estrattore puntando sulla semplicità e l’ergonomia,  i valori ecologici e un’economia più sostenibile. Completo di videocorsi e video ricettari molto interessanti.

 

3. Fiber Control Juicepresso Siquri  32 giri prezzo di 309 euro juicepresso-fiber-control Fiber Control è l’unico estrattore di succo con regolatore di fibra. L’innovativo sistema di Juicepresso siQuri permette di scegliere tra due modalità: “Normal” (succo limpido) e “More Pulp” per un succo con più fibra, simile ad un frullato/smoothie, ideale anche per salse, passate o vellutate di verdure.

hurom-hu-5004.  Hurom serie HU500  80 giri al minuto  prezzo di circa 309 euro  È un estrattore datato ma ancora ben venduto. Nel 2013 ha apportato innovazione di design e materiali di alta qualità. È stato successivamente sostituito dalla linea HE che abbiamo trovato ad un prezzo di 335 euro. Anche questo modello incorpora una tecnologia datata (funziona ancora a 80 giri al minuto…) Ma è anch’esso ben venduto.

kvg_ns3215.  Kuvings NS998 60 giri al minuto con prezzo di  circa 300-350 euro  modello datato, ma ancora in commercio e sostituito dal più recente Kuvings  NS321 sempre a 60 g/min ad un prezzo di 349 euro. In realtà il modello più recente NS321  risulta praticamente identico al vecchio Kuvings KVG NS998 dal quale si differenzia solo per un diverso design.

estrattore-hurom-serie-hp6. Hurom serie HP a 43 giri al minuto  al prezzo di circa  379 euro .  È un estrattore di piccola misura con una ciotola da soli 300 ml . Le misure di 192 x 176 x 399 mm tendono a competere con quelle di Essenzia Green 177×150 x426.  Non è il massimo per chi è un “goloso di succo”, perché produce solo un piccolo bicchiere alla volta…  però in compenso consente un certo risparmio nel prezzo.

kuvings_b60007.  Kuvings  B6000 a 60 giri al minuto   a bocca larga al prezzo di circa   399 euro .  È il vecchio modello di Kuvings a bocca larga, attualmente sostituito dal nuovo modello  C9500 a 499 euro.

huormPremiumHH8.  Hurom serie HH   motore a 42 giri minuto  al prezzo di circa 450- 589 euro   Dispone di una nuova coclea a doppia ala  SST (slow squeezing technology), ma mantiene  una plurialità di pezzi di ricambio, peraltro di buona qualità,  che necessitano dopo l’uso di essere smontati, lavati, rimontati,  nel tempo manutentati.

hurom17giri9.  Hurom serie H-AA   motore a 42 giri minuto-cestino 17 giri al minuto  al prezzo di circa   599 euro. È il primo estrattore che pur mantenendo a 42 giri di rotazione il motore, tramite  un sistema di ingranaggi  esterni al motore, posti sotto al cestino riesce a fare girarre il cestino a soli 17 g/min. Questa lentezza  genera ancora meno attrito, Anche se il campo elettromagnetico del motore ( importante per l’effetto “disattivazione degli enzimi” resta il medesimo della Per Per onor di cronaca esistono altre Marche di estrattore come per esempio le americane Omega (modello 808 a 460 euro) e la giapponese Sharp (modello Healsio a 622 euro) , sempre prodotte da aziende coreane in questo caso rispettivamente Hurom e Coway. Questi prodotti volutamente non sono stati considerati nella classifica precedente in quanto sostanzialmente contengono le stesse impostazioni e caratteristiche di fondo dei modelli delle 3 case madri coreane. L’estrattore Kenwood  ha acquisito un brevetto coreano della Kuvings, ma poiché si fa produrre il prodotto in Cina, rientra nella classifica dei prodotti cinesi. Philips produce in Slovenia.

In questa sede non sono stati considerati gli estrattori professionali di cui ci siamo già occupati negli articoli L’estrattore professionale. Le Differenze tecniche tra il Made in KOREA 100% ed il Made in CHINA (PRC). ECCO LA MAPPA DEGLI ESTRATTORI PROFESSIONALI   e  L’ESTRATTORE PROFESSIONALE PER ATTIVITA’ COMMERCIALI: SIQURI H24 (24 ORE)

b) estrattore cinese domestico più economico

Classifica gennaio 2017 Estrattori Domestici Cinesi più economici:

vedi anche il nostro articolo 2015: Il fenomeno dell’arrivo in massa sul mercato degli estrattori cinesi a basso prezzo.

melchioni_-vega1.  Estrattore Melchioni Melchioni Vega 11844011 a 59.39 euro oppure Estrattore di succo a Freddo, 55 Giri/Minuto, 120 Wattestrattore Melchion a 69.99 euro   su Groupon. Oltre alle già citate problematiche tipiche dei prodotti cinesi, indicate nell’articolo  2015: Il fenomeno dell’arrivo in massa sul mercato degli estrattori cinesi a basso prezzo. presenta problemi di difficoltà per una Pulizia Accurata e di difficoltà di sminuzzare le fibre più dure, per cui si inceppa e si blocca con una certa regolarità. Molti pezzi da pulire, montare, smontare.

hoenig2. H.Koenig GSX12  a 79.90 euro su Amazon . Oltre alle già citate problematiche tipiche dei prodotti cinesi, indicate nell’articolo  2015: Il fenomeno dell’arrivo in massa sul mercato degli estrattori cinesi a basso prezzo. presenta problemi di difficoltà per una Pulizia Accurata e di difficoltà di sminuzzare le fibre più dure, per cui si inceppa e si blocca con una certa regolarità.  3.  R.G.V. Juice Art  a 99.99 euro  su ebay . E’ lo stesso di quello sopra citato di Koenig. Viene prodotto da un’azienda cinese per diverse marche tra le quali per esempio RGV, Koenig e De Longhi, con prezzi che variano dai 79 ai 130 euro.

 81jodfgiz8l-_ac_ul115_4. R.G.V. Juice Art Plus  60 giri al minuto a 98.89 euro su Amazon, Groupon, Ebay etc. La qualità di questi prodotti ha notevoli limiti, se confrontati con i modelli coreani, ma i prezzi così bassi in qualche modo “legittimano” tale tipo di qualità. Esistono sul mercato altre marche generiche di prodotti “Made in China (o RPC, o CPR – Repubblica Popolare Cinese) ”  di caratteristiche analoghe, qui ci siamo limitati a presentare alcuni modelli tra i più presenti nei negozi della grande distribuzione e del web.

girmi_estrattore5. Girmi SW10 a 55 giri a prezzi variabili tra 99.99, 116.99 e 149.80  euro in Amazon.  Girmi ha in gamma anche il modello Girmi SW40 a bocca larga a 65 giri al minuto a 138.12 euro, sempre prodotto in Cina.  Infine essite anche il modello Girmi CE85 al prezzo di   103.95 euro sempre in Amazon. Nel 2004 la Girmi viene rilevata per intero dalla Bialetti Industrie di Coccaglio (BS). Da allora oltre che esserne una controllata, Girmi è anche un marchio del Gruppo bresciano. Allo stato attuale, lo storico stabilimento Cusiano, che negli anni settanta occupava 480 dipendenti, è un semplice ufficio che si occupa della distribuzione dei prodotti a marchio Girmi, la cui produzione avviene negli stabilimenti esteri.

rgv_artjuicedigital6. Juice Art Digital Estrattore di Succo Digitale, Silver  a 150 euro su Amazon.  Segue un lungo elenco di grandi marche, cioè grandi produttori che comunque fanno produrre in Cina. Sarebbe da attendersi uno standard produttivo di qualità più elevata visto che si tratta di marchi famosi, ma da quanto abbiamo finora riscontrato purtroppo così non è (ovviamente stiamo parlando sempre in comparazione al livello dei prodotti coreani). Il giorno in cui i grandi produttori delle grandi marche comprenderanno che si può fare mercato senza per forza danneggiare l’ambiente e/o le persone, quello sarà un grande giorno! Una volta le grandi marche erano sinonimo di qualità, ora proprio non capiamo quale ragione strategica di marketing porti questi produttori, a sacrificare così tanto la qualità pur di avere un prezzo basso e a trattare così male i loro potenziali clienti, per la maggior parte inconsapevoli e colpevoli solo “essersi fidati di una grande marca”.  Sono sempre state politiche che nel lungo periodo non pagano ed allora perché le applicano?

estrattore_ariete7. Ariete 00C017700AR0 Centrika Slow Juicer Metal a  110,99  euro in Amazon. Come sopra. Nel 2001 la De Longhi acquisisce la britannica Kenwood Limited produttrice di elettrodomestici da cucina rilanciandone il marchio. Nel 2010 De’Longhi, acquisisce il 100% di un altro marchio storico di piccoli elettrodomestici, l’Ariete SpA, azienda di Campi Bisenzio fondata nel 1964. Il 17 aprile 2012 la De Longhi acquisisce da Procter & Gamble lo storico marchio tedesco Braun con perpetuo diritto di sfruttamento dello stesso nei settori degli elettrodomestici e altri prodotti per la casa.

estrattore-klarstein8. Klarstein Fruitberry Slow Juicer estrattore di succo di frutta  400W 60giri/minuto al prezzo di 131.99 euro in Amazon. Klarstein produce un latro modello, sempre made in China,  Klarstein Sweetheart  150 Watt, 32 giri al minuto, al prezzo di  99.99 euro in Amazon. ( lo segnaliamo perchè esiste, ma secondo noi è un prodotto molto scarso):

panasonic-estrattorepanasonicestrattore9. Panasonic MJ-L500 a 149.99 euro  su Amazon.  Come sopra. Questo estrattore riesce a fare anche sorbetti cioè a “lavorare il frozen”, senza importanti rotture di ricambi immediate. Poi come tutti i prodotti made in China cominciano i vari problemi di  usura e manutenzione, dove il prodotto dimostra di  soffrire un po’ troppo e dove sono molti i pezzi da smontare, pulire, rimontare. D’altronde  qui non si pretende un prodotto a livello qualitativo  dei coreani (per avere i quali il prezzo minimo  d’accesso è attualmente 199 euro come nel caso del juicepresso di Coway).

hotpoint-sj15xlup0ariston10. Hotpoint SJ15XLUP0 Slow Juicer Estrattore di Succo, Acciaio Inox  50 giri al minuto al prezzo di 171.99 euro su Amazon.  Hotpoint Ariston produce anche un modello più economico  Hotpoint-Ariston SJ 4010 AX1 spremiagrumi  al prezzo di  123.72 in Amazon. produce anche un modello Hotpoint Ariston SJ 4010 FSL0 al prezzo di 149.99 euro. Questi ultimi due modelli li segnaliamo per dover di cronaca, ma dobbiamo avvisare che sono molto scarsi rispetto agli standard coreani.

estrattore_philips11. PHILIPS Estrattore di succo Avance Collection HR1882/31 a  60 giri al minuto ad un prezzo di 179.99 euro. (Attenzione , questo prodotto è “made in Slovenia”). Philips produce anche il modello HR1894/80 Potenza 200 W al prezzo di 349 euro in Amazon.

estrattore-imetec12. Imetec Succovivo SJ 1000 a 60 giri al minuto ( prodotto da jutian Foshan-Cina) a bocca larga al prezzo di 235 euro in Amazon.  Imetec produce anche un estrattore più compatto, sempre prodotto in Cina:  Imetec Succovivo Compact SJ 700 a 3 velocità (48-51-65 giri al minuto) ad un prezzo di 159.99 euro.

esatrttorevivo-big-mouth13.   Estrattore di Succo - VIVO Big Mouth, prodotto dalla cinese Greenis,   43 giri  al prezzo di 259 euro in Amazon. Anche questo estrattore viene spesso presentato nel web come un estrattore professionale; in realtà si tratta di un normale estrattore domestico, caratterizzato dal tipo di utilizzo, che negli estrattori domestici  è un uso massimo consecutivo di circa 30 minuti (Negli estrattori professionali l’ utilizzo consecutivo del motore è fino a ventiquattr’ore).

kenwoodestrattore14.    Kenwood JMP800I Slow Juicer a 60 giri al minuto  al prezzo di  266.99 euro in Amazon. Questo prodotto è si prodotto in Cina, ma su autorizzazione e brevetto Kuvings, applicato ad estrattore domestico, quindi lo standard qualitativo è superiore a quello dei normali prodotti cinesi. Anche questo estrattore viene presentato nel web come un estrattore professionale; in realtà si tratta di un normale estrattore domestico, caratterizzato dal tipo di utilizzo, che negli estrattori domestici  è un uso massimo consecutivo di circa 30 minuti (Negli estrattori professionali l’ utilizzo consecutivo del motore è fino a ventiquattr’ore).

atlas_estrattore15. Estrattore di succo sempre Made in China BioChef ATLAS 60 giri al minuto al prezzo di 279 euro in Amazon. Il modello a bocca larga  BioChef ATLAS WHOLE Slow Juicer costa 349 euro, sempre in Amazon.

estrattore_oscarneo16. Oscar Neo XL Whole Slow Juicer  a  40 giri  al prezzo di 379 euro in Amazon.

 

estrattore_-topwave17. TOPWAVE BIG Estrattore di succo a 40 giri a bocca larga, al prezzo di 389.99 euro in Amazon. Questo estrattore viene spesso presentato nel web come un estrattore professionale; in realtà si tratta di un normale estrattore domestico, caratterizzato dal tipo di utilizzo, che negli estrattori domestici  è un uso massimo consecutivo di  circa 30 minuti (Negli estrattori professionali l’ utilizzo consecutivo del motore è fino a ventiquattr’ore).

estraggo-easyestraggopro18. Estraggo Easy 55 giri al minuto a 269 euro prodotto dalla cinese Jutian Foshan in Amazon ed il vecchio modello 2014  Estraggo Pro  sempre prodotto dalla stessa cinese Jutian Foshan 55 giri al prezzo di 469 euro in Amazon. Anche questo estrattore viene spesso presentato nel web come un estrattore professionale; in realtà si tratta di un normale estrattore domestico, caratterizzato dal tipo di utilizzo, che negli estrattori domestici  è un uso massimo consecutivo di circa 30 minuti (Negli estrattori professionali l’ utilizzo consecutivo del motore è fino a ventiquattr’ore).

7. ed infine tra tutti questi quello che ha il migliore  differenziale qualità/prezzo 

essenzia_migliore

febbraio 2017: arriva  la potentissima ESSENZIA PRO GREEN,  candidata a diventare il migliore estrattore 2017

  

Ci siamo già abbondantemente occupati delle differenze tra estrattore e centrifughe in svariati articoli: vedi Perchè il succo delle centrifughe separa in strati e l’estrattore no? Quali conseguenze ha sulla qualità del succo?  e Tutto quello che c’è da sapere su un estrattore di succo vivo .

8. Le novità del 2017 Che cosa ci aspetta nel 2017 nel mondo degli estrattori?

Già a fine gennaio 2017 arriverà il nuovo modello di Essenzia Pro Green con il motore a 32 giri, in grado anch’ esso di “spaccare tranquillamente”  un cubetto di ghiaccio e fare una spumosa granita siciliana, per esempio o fare un sorbetto con i mirtilli raccolti nel bosco, surgelati questa estate….

Per la seconda metà dell’anno arriverà sul mercato una grande  e molto attesa novità: un estrattore  a 15 giri effettivi che rivoluzionerà il mercato mondiale dell’estrattore. … Anche perché per la prima volta si tratterà di un Estrattore “fatto in Italia”, un altro grande successo mondiale che si preannuncia per il “Made in Italy”.

 

Sull’argomento ”Estrattori” leggi anche:  

LE DIFFERENZE TRA I VARI TIPI DI ESTRATTORI: QUALE SCEGLIERE?
L’ESTRATTORE PROFESSIONALE PER ATTIVITA’ COMMERCIALI: SIQURI H24 (24 ORE)
Il Juicebar e Siquri H24, il Re degli Estrattori Professionali. Rassegna idee per i Natural Bar
Arriva in Italia il primo ESSICCATORE AGLI INFRAROSSI.
Assumere più fibre in modo naturale. 1. L’uso dell’estrattore e dell’essiccatore.

L’estrattore professionale. Le Differenze tecniche tra il Made in KOREA 100% ed il Made in CHINA (PRC). ECCO LA MAPPA DEGLI ESTRATTORI PROFESSIONALI
LA QUESTIONE DELLE FIBRE. Dietologi che dicono di mangiare poca frutta ed evitare centrifughe ed estratti per diabete o altro. I malintesi di fondo.
Gli straordinari effetti dell’estratto di anguria (… e dei meloni).
Tutto quello che c’è da sapere su un estrattore di succo vivo
Perchè il succo delle centrifughe separa in strati e l’estrattore no? Quali conseguenze ha sulla qualità del succo?
Le ricette miracolose con l’estrattore. Mille piante per guarire dal Cancro senza CHEMIO. Ed i semini della frutta…?
Come alimentarsi bene in modo semplice. La colazione ideale.
Metodo di Max Gerson per la cura di tumori terminali in metastasi
Altroconsumo contro gli estrattori cinesi.
Le centrifughe sono alla pari, nonostante le leggi della fisica?

2015: Il fenomeno dell’arrivo in massa sul mercato degli estrattori cinesi a basso prezzo.
La comparazione  di Altroconsumo  tra estrattori “cinesi” e centrifughe (giugno 2015)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>